congresso ust

personal2 scritta grande bicolore

7ceea0f1 80d5 4772 88c8 66f8f9bb4aa8la prima segnalazione urgente 

la lettera della CISL di richiesta di verifica degli uffici

A quattro mesi dal trasferimento degli uffici comunali di Alessandria Refezione scolastica e Servizi Educativi in via S. Giovanni Bosco, e nonostante le rassicurazioni ricevute dall’amministrazione,

a giudicare dall’accorata mail ricevuta ieri da un dipendente riguardo la presenza di topi, nulla (o quasi) è cambiato.

Mentre in un qualunque ufficio privato le condizioni degli immobili (statiche, igieniche ecc. ) vengono attentamente valutate da almeno due o tre enti di controllo diversi, e se queste non sono soddisfacenti gli uffici non vengono utilizzati finché non si ripristinano le condizioni igieniche e di sicurezza, sembra che al comune di Alessandria queste elementari norme di tutela dei dipendenti e dell’utenza non siano rispettate (nonostante stiamo parlando di uffici frequentati da circa 4000 famiglie e con bambini anche piccoli, la pulizia degli uffici al momento del trasferimento è stata eseguita non da imprese specializzate ma dal personale stesso, che ha fatto quel che ha potuto).

Forse che tali uffici pubblici sono sottratti al controllo sulla salubrità degli ambienti? Sulla pagina facebook del comune leggiamo che il Sindaco ne è venuto a conoscenza solo in data odierna e che ha disposto un intervento urgente di derattizzazione.

Bene, non possiamo che ringraziare Sindaco e assessore per la tempestività ma...  ci corre l’obbligo di dire al Sindaco che la situazione era già nota all’amministrazione fin dal 5 aprile ( pubblichiamo la prima mail con cui il collega notificava i dirigenti di tale problema, con l'avvertenza che sono stati rimossi i nominativi), e che quegli uffici sono gli stessi di cui le RSU avevano esposto i problemi logistici alla stessa amministrazione a novembre (e nonostante ciò venne comunque disposto di dar corso al trasferimento degli uffici). E’ quindi evidente che se il problema ha certamente radici antiche, come dice il Sindaco, comunque nemmeno in tempi recenti è stato fatto niente.

Come cisl fp chiediamo di uscire dalla fase dell’emergenza dove si dispongono azioni urgenti solo quando accade qualche pasticcio.

Riteniamo necessaria un’ immediata ricognizione della situazione di tutti gli uffici comunali e la predisposizione di un piano con relativo cronoprogramma delle azioni necessarie per risolvere tutte le eventuali situazioni di rischio che si riscontreranno perchè con la salute non si scherza.

guarda la galleria di foto

 

Il nostro giornale

 

La CISL FP ti protegge

 

Volantino colpa grave 2

Come funzione l'assicurazione

Video